“Joker”. La smorfia danzante

“Joker”. La smorfia danzante

Senza dubbio, un thriller commovente, che anche mesi dopo la première nel mese di ottobre 2019, continua a suscitare scalpore in tutto il mondo: stiamo parlando di “Joker”, un capolavoro del regista Todd Philips. L’attenzione è dedicata alla biografia dell’omonimo personaggio dei fumetti, noto come il malvagio nemico di Batman, l’eroe della cultura pop. Il protagonista assoluto, Arthur Fleck, il vero nome di Joker, interpretato in modo magistrale dal pluripremiato Joaquin Phoenix, è un clown professionista senza successo impiegato da un’agenzia di pagliacci ancora più infruttuosa. Nella frenetica vita cittadina di Gotham City, mentre lavora come clown pubblicitario, subisce un pestaggio in un vicolo. In ospedale, tuttavia, l’uomo triste con il costume da pagliaccio riesce a far sorridere i bambini malati di cancro con le sue canzoncine allegre. Il suo affetto profondo è rivolto innanzitutto alla madre psicolabile, Penny (Frances Conroy), che svolge un ruolo fondamentale nella sua vita. Il figlio premuroso, cresciuto senza padre, si prende cura di lei, le pettina i capelli e la lava. Entrambi vivono insieme in un misero appartamento in un quartiere popolare fatiscente. Ma anche il figlio emaciato soffre di un disturbo psichico, assume farmaci psicotropi e subisce morbosi attacchi di una risata patologica, che si manifestano soprattutto quando non è in grado di affrontare situazioni quotidiane cariche di aggressività con i suoi simili. 

Ciò che tormenta ulteriormente Arthur è la sua invisibilità. Vuole essere notato. “Lei non mi ascolta!” dice alla sua terapista sopraffatta. Questo stato disperato continua fino a quando un collega non gli fornisce un’arma per autodifesa. Arthur viene visto con il revolver e perde il lavoro. Inoltre, a causa del taglio dei servizi sociali non è più in grado di assumere i farmaci previsti. Tutto sembra perduto. La sua vita amorosa? Un’illusione. Quando usa la pistola per uccidere tre giovani ricchi di Wall Street che molestano una donna nella metropolitana, la sua vita è travolta e si trasforma: il pagliaccio una volta ferito diventa un assassino a sangue freddo con una smorfia da clown. Con questo omicidio, la soglia di inibizione del male è superata. Da allora, si vendica delle persone che gli hanno fatto del male. Compresa sua madre, che ha abusato di lui quando era bambino.  

Il film affronta un’ampia gamma di problemi sociali ed è quindi criticato da alcuni esperti cinematografici – ma anche il genio musicale Wolfgang A. Mozart fu criticato ai suoi tempi per le opere con “troppe note”. Il crimine, il divario tra ricchi e poveri, politici arroganti che non vogliono prendere sul serio le preoccupazioni dei cittadini e li chiamano “pagliacci”, tagli ai servizi sociali, irresponsabilità socio-economica (la spazzatura si accumula perché gli spazzini scioperano contro i tagli salariali) e così via. La critica all’abbondanza di problemi delineati sembra ingiustificata, perché il comportamento aggressivo degli individui o le proteste di massa non dipendono mai da un singolo problema, ma sono il risultato di vari aspetti, molto complessi e interconnessi. Descrivendo le diverse complessità e le loro conseguenze, il film colpisce esattamente il punto debole della nostra epoca: politici egocentrici. Non per niente il regista mostra un estratto del film di Charlie Chaplin “Modern times” (Tempi moderni). Chaplin non ha forse inventato il personaggio “Tramp”? 

L’intreccio tra bene e male è altrettanto complicato. Molto spesso sono molto vicini tra loro. Arthur, il giovane, è inizialmente una persona calma e poco appariscente che non nota nessuno, probabilmente nemmeno lui stesso. Si sente come Jean-Baptiste Grenouille del romanzo di Patrick Süskind “Il profumo”, che ha un forte senso dell’olfatto, ma deve rendersi conto che di per sé non ha odore. Persino invisibile. Entrambi i personaggi sono perdenti, eppure hanno ancora un posto nella storia. Per raggiungere questo obiettivo, scelgono la violenza. Anche qui, Joker incontra lo spirito dei tempi, considerando i ripetuti attentati negli Stati Uniti e in altri paesi che attirano molta attenzione da parte dei media. Proprio per questo motivo, negli Stati Uniti si era diffusa l’ipotesi che il film potesse motivare episodi di violenza. Già nel 2012 ad Aurora, la follia omicida di un uomo durante una proiezione cinematografica aveva provocato la morte di dodici spettatori e ferito 70 persone. Si trattava del film di Batman, “The Dark Knight Rises” (Il cavaliere oscuro – Il ritorno). Nonostante l’analogia con la pellicola di Joker, sarebbe davvero più appropriato inasprire le leggi sulle armi negli Stati Uniti, anziché demonizzare un thriller, sebbene psicologicamente impressionante. 

Arthur riconosce anche l’importanza della presenza dei media e sceglie la televisione per la sua violenza. Un famoso maestro di talk show, interpretato da Robert de Niro, invita il comico fallito al suo spettacolo. Il presentatore aveva precedentemente trasmesso un video di Arthur in cui lo si vedeva come cabarettista in un club. Nessuno rideva delle sue “battute”. Arthur riconosce l’esibizione della sua persona da parte del conduttore del talk show e ribalta spietatamente la situazione. Diventa un personaggio pericoloso: Joker, il clown danzante. Seguendo lo slogan di sua madre “Put on a happy face” (Metti su una faccia felice), si tinge i capelli di verde, indossa un abito rosso e si trucca la smorfia da clown per raggiungere la sedia dell’ospite del programma televisivo, dove l’arrogante conduttore di talk show lo accoglie. Joker usa il palcoscenico pubblico per rivelarsi: è lui che ha commesso gli omicidi dei tre uomini ricchi. 

Tutti gli atti di violenza, compresi quelli di fronte alle telecamere, non danneggiano Joker. Invece, i suoi sostenitori con maschere da clown, che si sono radunati in un movimento di massa per ribellarsi alla politica, lo incoraggiano come una figura eroica che ha creato giustizia in un mondo ingiusto. L’agitatore con il sorriso insanguinato nasce nel caos di una città in fiamme. L’antieroe diventa eroe. L’invisibile diventa visibile. Questo confonde il confine tra bene e male. Infine, è un pazzo che chiarisce le cose allo spettatore: “Decidi tu cosa sia bene e cosa sia male, così come decidi anche cosa sia divertente”. Quindi la responsabilità ricade su di noi.

*Martina Bitunjac, PhD, storica, docente Centro Moses Mendelssohn/Università di Potsdam

Martina Bitunjac

Martina Bitunjac